Le stelle

Nascita di una stella
Le stelle nascono all’interno di grandi nubi interstellari composte da polveri e gas (principalmente idrogeno) ,chiamate Nebulose.
Nebulosa di OrioneVediamo come tutto ha inzio: 
l’esplosione di una stella vicina o delle forti onde gravitazionali producono all’interno della nebulosa più adiacente, un processo che prende il nome di collasso gravitazionale .
Cosa signignifica collasso gravitazionale?
Materiali e  gas ,all’interno della nebulosa, si concentrano in determinati punti di aggregazione e contraendosi  ,sotto il loro peso, formano un nucleo che piano piano si riscalda e compatta.  ProtostellaQuando la temperatura al centro del nucleo diviene talmente elevata da innescare reazioni di fusione nucleare nasce la PROTOSTELLA. Il processo di formazione della stella si completerà quando la sua massa raggiunge una dimensione pari a 0.08 masse solari che le permetterà di innescare, nel suo nucleo, la fusione dell’idrogeno in elio.
Una volta raggiunta la stabilità termica e idrostatica, la stella attraversa un lunghissimo periodo di tranquillità, che rappresenta circa il 90% di tutta la sua vita , tale fase viene descritta come : “sequenza principale“. 

Ora vediamo come, una volta nata, la stella viene classificata per essere identificata:

Classificazione stelle
LacertaCLASSE O :
Sono le stelle più calde e massicce, quindi hanno un passaggio meno lungo nella sequenza principale. Questo tipo di stelle sono rare nella nostra galassia, circa 20.000 ed una di queste porta il nome di Lacerta.

RigelCLASSE B:
Le stelle di classe B hanno una vita relativamente breve e quindi non si allontanano di molto dalla zona in cui si sono formate. Tra le stelle più note di questa categoria c’è Rigel della costellazione di Orione.

Sirio

CLASSE A:
Sono stelle di sequenza principale (colore bianco/azzurro) e tra quelle più famose troviamo : Sirio della costellazione di Orione , la stella più luminosa del cielo notturno visto dalla Terra.

ProcioneCLASSE F:
Sono stelle di sequenza principale (colore bianco/giallo) e tra quelle più famose troviamo : Procione della costellazione del Cane Minore.


SoleCLASSE G:
Il Sole appartiene alla categoria di queste stelle e le troviamo nella sequenza principale (colore giallo/bianco). Questo tipo di stelle hanno una vita molto lunga , più o meno 10 miliardi di anni.

CLASSE K:Aldebaran
Stelle di sequenza principale (colore giallo/arancione), molto presenti nella nostra costellazione. Tra le stelle più comuni Aldebaran della costellazione del Toro.

CLASSE M:
Fanno parte di questa classe, le stelle piccole e fredde che sono riuscite a raggiungere la massa minima necessaria per scaturire il processo di fusione di idrogeno in elio e che vengono definite come “nane brune”. Di classe M anche le stelle definite “supergiganti rosse” come Betelgeuse, sono le stesse uscite dalla loro sequenza principale,avendo terminato idrogeno nel loro nucleo e che termineranno il loro ciclo con una spettacolare esplosione in Supernovae.

Il colore delle stelle dipende dalla loro temperatura. Se si scalda un oggetto metallico questo diventa incandescente e di colore rosso, se proviamo a scaldarlo a temperature superiori il colore dell’incandescenza diventa sempre più chiaro fino a divenire bianco. 

Ancora più interessante ed esaustivo, per meglio capire come vengono classificate le stelle in base alla loro età, temperatura, dimensione e luminosità è il diagramma di Hertzsprung-Russel:

Hertzsprung-Russel
La magnitudine di una stella dipende dalla quantità di luce che emana, ma anche dalla sua distanza da cui viene osservata ed è per questo che vengono indicate per ogni stella, la “magnitudine apparente” , ovvero la luminosità della stella da un punto di osservazione preso come riferimento, che è quasi sempre la Terra e la “magnitudine assoulta” che fa riferimento alla magnitudine apparente della stella se si trovasse ad una distanza di 10 parsec.
Che significa 10 parsec?
Il parsec è un’unita di misura astronomico utilizzata per indicare la distanza fra due oggetti nell’universo.
Ecco alcuni valori di magnitudine delle stelle più importante del nostro cielo:

Magnitudo stelle più importantiCome vedete, più il valore della magnitudo è negativo, più è indicazione di luminosità.

E’ ora di vedere cosa accade nella fase finale di vita di una stella.
Prenderemo ad esempio, la stella che più ci interessa come il Sole.

Uscito dalla sua sequenza principale e quindi avendo terminato idrogeno all’interno,  il nucleo inizia a raffreddarsi, si rompe così quell’equilibrio che aveva portato la stella alla sua formazione. Inizia un nuovo processo di contrazione del nucleo dovuto alla forza di gravità e a riscaldarsi fino a quando, raggiunti i 100 milioni di gradi, i nuclei dell’elio cominciano a fondersi tra loro formando nuclei di carbonio. Ricomincia la vita della stella ?
Niente affatto! L’elio a differenza dell’idrogeno produce un’energia molto più potente , quindi l’unica maniera per il nucleo di trovare stabilità è quella di dilatarsi per mantenere il suo equilibrio. Dilatandosi però la temperatura diminuisce…si scatena un processo a fisarmonica  😀 che terminerà con l’esplosione della stella in una supernova.

Diagramma H/RSe ha una massa compresa tra 0,08 e 0,5 masse solari, la stella morente dà luogo ad una nana bianca. Questo tipo di stelle sono ovviamente a fine ciclo di vita, hanno tipicamente un nucleo composto di carbonio, delle dimensioni del nostro pianeta.
La loro fine è quella di raffreddarsi progressivamente sempre di più fino a spegnersi.

Evoluzione StellareQualcuno di Voi sta aspettando qualche parola sulle stelle cadenti?
Beh cominciamo col dire che le stelle cadenti, non sono delle stelle, bensì dei frammenti di meteore che si rendono visibili quando entrano in contatto con l’orbita terrestre. 
Ne parleremo però nella pagine successive,  ora prossima fermata: la Luna !

Share on Google+0Share on Facebook0Tweet about this on TwitterEmail this to someone