La mia stella

Guardare il cieloIl mio interesse per l’astronomia è nato tardi, avevo trenta anni e da poco ero divenuto papà del mio primo figlio. In una delle tante notti sveglio, accanto a mia moglie che allattava Francesco, mi fermavo ad osservare dalla finestra l’unica stella visibile in tutto il cielo di febbraio. Quella stella a poco a poco è divenuta una presenza assidua da “trovare” nelle notti di veglia tra una pappa ed un pannolino da cambiare. Ma quella stella come si chiamava? Lo aveva un nome? Quanto era distante? A tutte quelle domande non aveva una risposta e se me le avrebbe poste anche Francesco, quando sarebbe cresciuto, cosa gli avrei risposto? Il giorno dopo andai in libreria, cercando risposte. C’erano troppi libri con “paroloni” incomprensibili e troppe stelle uguali a quella cui confidavo i miei pensieri durante quelle notti. Io ero alla ricerca solo del nome della mia stella. Stavo andandomene quando all’improvviso i mie occhi caddero su un libro di Margherita Hack dal titolo : “Tutto comincia dalle stelle”. Lo iniziai a leggere e ne fui subito conquistato dall prime pagine, era il libro che faceva per me, un libro rivolto ai piccoli e alle loro curiosità sul mondo dell’astronomia. Quella sera stessa, potei finalmente salutare la mia “stella” con il suo vero nome: Sirio. Quel libro per me fu come una chiave che apre un baule pieno di sogni. Dall’acquisto del libro, dopo un mese mi ritrovai sul balcone di casa, in piena notte, con un telescopio di poche pretese ad osservare il cielo , o meglio quello che si poteva osservare in un cielo di città come Roma con tutto il suo inquinamento e luci. Riuscivo bene ad osservare la mia stella però e le sue sorelle della costellazione di Orione, la Luna e ad innamorarmi sempre più di questa preziosa scienza. In queste pagine che seguono in questa categoria non troverete nulla di tecnico, ne paroloni scientifici , ci sono solo risposte alle mie prime domande su questa fantastica scienza.

Share on Google+0Share on Facebook0Tweet about this on TwitterEmail this to someone